Scadenze fiscali, i primi appuntamenti del 2021: si parte il 10 gennaio

0
494

Scadenze fiscali, i primi appuntamenti del 2021: si parte il 10 gennaio

Partenza d’anno con le tasse?
Non proprio.

Per fortuna il calendario delle scadenze fiscali rispetta abbondantemente il calendario delle festività e permette di scavallare senza pensare al Fisco la Befana e il secondo weekend del 2021.

Il primo appuntamento con le tasse è però fissato subito dopo, al 10 gennaio 2021 con i versamenti dei contributi INPS per i lavoratori domestici e per i dipendenti.

Ma vediamo quali sono le date da segnare in rosso sul calendario per non perdere nessuna delle scadenze fiscali previste.

Rosso nel rosso è la data del 18 gennaio, dove sono concentrati la maggior parte degli adempimenti fiscali del mese.

Cominciamo a ricordare, però, le scadenze fiscali di fine anno: il 31 dicembre, infatti si chiude con il Fisco, visto che sono numerosi gli adempimenti da completare entro la fine dell’anno.


31 dicembre
Sgravi per chi assume e richieste cassa integrazione

La data del 31 dicembre sarà carica di termini da rispettare, in particolare per i Consulenti del Lavoro. In scadenza, infatti, le domande all’Inps per l’incentivo IOLavoro e quelle per ottenere l’esonero contributivo per i datori di lavoro privati che assumono, introdotto dagli art. 6 e 7 del decreto “Agosto”.

Inoltre, le domande all’Inps per ottenere l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali previsto dall’art. 3 del decreto “Agosto” per i datori di lavoro privati che non richiedono i trattamenti di cassa integrazione e che abbiano già fruito, nei mesi di maggio e giugno 2020, dei trattamenti di integrazione salariale previsti dal D.L. n. 18/2020.

E ancora: l’invio di ulteriori domande cassa integrazione ordinaria e in deroga, Fondo d’integrazione salariale, Fondo di solidarietà bilaterale per l’artigianato relative a novembre, e presentazione dei modelli di pagamento SR41 per le istanze autorizzate in precedenza.

Per concludere la fine dell’anno, poi, l’invio telematico dei flussi UniEmens relativi a retribuzioni e compensi corrisposti nel mese di novembre 2020 e la Stampa del Libro Unico del Lavoro relativo al mese di novembre 2020.

Scadenze fiscali, il calendario di dicembre. Anche quest’anno ingorgo di scadenze

10 gennaio
Versamento dei contributi previdenziali per i lavoratori domestici

Il primo adempimento fiscale dell’anno riguarda il versamento dei contributi previdenziali relativi all’ultimo trimestre 2020 per i lavoratori domestici.

15 gennaio
Corrispettivi delle associazioni senza scopo di lucro in regime agevolato

Scade il 15 del mese il termine per la fatturazione differita relativa al mese precedente e per la registrazione dei corrispettivi delle associazioni senza scopo di lucro in regime agevolato.

17 gennaio
Contributi Inps per i lavoratori dipendenti

Il 17 gennaio i datori di lavoro devono versare i contributi Inps per i lavoratori dipendenti.

18 gennaio
Iva, ritenute sui incrementi di produttività, locazioni brevi

Lunedì 18 gennaio è il giorno in cui c’è la più alta concentrazione di adempimenti fiscali del mese. Scade in questo giorno il termine per la liquidazione dell’Iva mensile.

Inoltre, nella stessa data i sostituti d’imposta devono provvedere a versare le ritenute e l’imposta sostitutiva sugli incrementi di produttività.

Chi ha realizzato delle locazioni brevi è tenuto entro il 18 gennaio al versamento delle ritenute sui canoni o sui corrispettivi pagati o incassati.

20 gennaio
Bollo relativo alle fatture elettroniche

Entro il 20 gennaio i titolari di partita Iva sono tenuti a versare il bollo relativo alle fatture elettroniche emesse nel quarto trimestre del 2020.

Tratto dal Corriere della Sera